Matera: un mese fa tragedia in vico Piave, famiglie sfollate reclamano casa
Matera: un mese fa tragedia in vico Piave, famiglie sfollate reclamano casa

Matera, 11 feb. (Adnkronos) - Candele saranno accese stasera a Matera, sui balconi del caseggiato circostante vico Piave, per ricordare il tragico crollo avvenuto esattamente un mese fa in cui l'11 gennaio ha perso la vita Antonella Favale. L'idea e' partita dai residenti che hanno perso la casa dopo lo sgombero forzato per il transennamento e la messa in sicurezza della strada del centro storico. Un mese con sistemazioni provvisorie, presso parenti o strutture religiose, ha fiaccato le famiglie interessate che in questi giorni protestano con striscioni davanti a vico Piave per reclamare soluzioni definitive.

Finora il Comune e' intervenuto con la sospensione dei tributi ma gli sfollati chiedono la possibilita' di avere contributi economici per vivere in affitto. Nel frattempo procede l'inchiesta. Dopo l'iscrizione di 12 persone nel registro degli indagati per responsabilita' a vario titolo nella progettazione di lavori in corso al pianterreno per realizzare un ristorante, nell'esecuzione di lavori nello stabile crollato e nello svolgimento di sopralluoghi da parte di vigili del fuoco e tecnici del Comune di Matera, proseguono le attivita' per la definitiva messa in sicurezza in modo da poter procedere agli esami tecnici ''non ripetibili'' alla presenza delle parti. Saranno effettuati anche dei rilievi in 3D per una ''radiografia'' della zona interessata dal crollo.

(Nfr/Ct/Adnkronos)