Sanita': Gemelli Roma, documento per assistere malati di fedi diverse
Sanita': Gemelli Roma, documento per assistere malati di fedi diverse
Presentata oggi la Policy adottata dalla struttura

Roma, 11 feb. (Adnkronos Salute) - Per riconoscere l'importanza del rispetto delle radici culturali, della spiritualit e delle diverse appartenenze religiose di ciascun individuo, e delle persone malate in particolare, il Policlinico universitario Gemelli di Roma ha adottato un modello interculturale per l'accoglienza e la cura dei pazienti di cultura e credo religioso diverso. Il documento stato elaborato su impulso del Centro Pastorale dell'Universit Cattolica di Roma e della direzione del Policlinico, alla luce delle Raccomandazioni per gli operatori sanitari delle strutture ospedaliere e territoriali della Regione Lazio, promosse dalla Asl RmE.

La Policy per l'accoglienza delle differenze e specificit culturali e religiose definita dal Gemelli viene presentata oggi pomeriggio hall del Policlinico, in occasione della XXII Giornata mondiale del malato, alla presenza di rappresentanti delle Istituzioni, delle comunit religiose e delle associazioni di volontariato. La Policy "nasce dalla consapevolezza della necessit di adottare una modello di accoglienza, orientamento e assistenza ai cittadini, con particolare attenzione agli aspetti relazionali e alle differenze culturali e confessionali, che rappresentano le fondamenta di una cultura dell'umanizzazione delle cure e dell’assistenza".

Obiettivo, fornire le linee di indirizzo per assicurare, all'interno del Policlinico Gemelli, un'adeguata gestione dell'accoglienza delle differenze e specificit culturali e religiose, "al fine di: migliorare la qualit dell'assistenza e dell'accoglienza dei pazienti in base alle differenze e specificit culturali e religiose; favorire la conoscenza reciproca di culture, di tradizioni, di sistemi sociali, in una prospettiva di interscambio e di arricchimento reciproco; disporre di informazioni utili per anticipare i bisogni e pianificare attivit a favore dei pazienti; individuare nei limiti delle possibilit spazi da dedicare al raccoglimento e alla preghiera; definire le caratteristiche delle figure di riferimento mediante accordi tra la direzione del Policlinico e le diverse comunit culturali e religiose". (segue)

(Red-Mal/Col/Adnkronos)