Sicilia: Presidente Ars, parole Cicero delegittimano il Parlamento
Sicilia: Presidente Ars, parole Cicero delegittimano il Parlamento
Oggi il capo dell'Irsap aveva parlato di 'deputati che tutelano interessi mafiosi'

Palermo, 11 feb. - (Adnkronos) - "Le affermazioni del Presidente dell'Irsap Cicero su presunti deputati che avrebbero rapporti con Cosa nostra sono molto gravi, ma cosi' generiche che solo nelle sedi opportune possano trovare un accertamento. E' un gioco al massacro". Lo ha detto il Presidente dell'Assemblea regionale siciliana, Giovanni Ardizzone (Udc) parlando delle dichiarazioni rese oggi dal Presidente Irsap durante la firma del protocollo di legalita' con la Camera di Commercio.

"Non e' la prima volta che ci troviamo dinnanzi a dichiarazioni di questa portata, non solo di Cicero ma anche di altri esponenti - dice ancora Ardizzone - e' chiaro che c'e' un gioco al massacro. Si cerca di delegittimare l'istituzione Parlamento e mi sembra che ogni volta ritorniamo sui soliti disocrsi. Ci parliamo addosso e a continuare a fare la parte di cenerentola non ci stiamo. Ma ritengo che le dichiarazioni del Presidente Cicero, che sono certamente gravi quando colpiscono le istituzioni, abbiano fatto riferimento a singole persone".

"Quando si spara nel mucchio si mistifica, sono convinto che il Presidente della Comissione antimafia Musumeci sentira' tutti coloro che fanno queste diciarazioni e si faranno i relativi approfondimenti. Ma le responsabilita' penali sono sempre personali. E' chiaro che gettare fango e discretito sulle istituzioni non serve a nessuno, neppure a un rappresentante dell'Irsap. Ritengo opportuno che sia lo stesso Cicero a fare nomi e cognomi. Ma non dobbiamo continuare a inseguire questi discorsi e a dare credito. Ognuno di noi sa nella propria coscienza se e' una persona per bene o se lotta contro la mafia".

(Ter/Ct/Adnkronos)