Crisi: Confartigianato, creativita' e ingegno made in Italy non si arrendono
Crisi: Confartigianato, creativita' e ingegno made in Italy non si arrendono
Negli ultimi quattro anni crescita numero aziende del 7,1%

Roma, 11 feb. (Adnkronos/Labitalia) - La creativit e l'ingegno made in Italy non si arrendono alla crisi. Pur tra mille difficolt, secondo Confartigianato, c' un piccolo esercito di 332.488 imprese artigiane che, negli ultimi 4 anni, ha fatto registrare un trend positivo, con una crescita media del 7,1% del numero delle aziende, pari a 22.076 nuove imprese. La classifica delle attivit anti-crisi stata stilata dall'Ufficio studi Confartigianato, che ha rilevato i settori nei quali, da settembre 2009 a settembre 2013, si registrata la maggiore crescita di aziende artigiane.

Tutela dell'ambiente, manutenzione degli impianti industriali, alimentazione guidano la classifica dei settori con il maggior sviluppo imprenditoriale in cui, dal 2009 al 2013, si registrato un boom di 22.076 aziende artigiane, con un tasso di crescita del 7,1%.

A soffrire, invece, sono l'edilizia, l'autotrasporto e le produzioni metalliche, finiti nelle ultime posizioni di un drappello di settori che, negli ultimi 4 anni, hanno perso complessivamente 84.885 imprese artigiane, con una diminuzione del 7,6%. Nel dettaglio, secondo la rilevazione di Confartigianato, tra il 2009 e il 2013, il record del dinamismo imprenditoriale appartiene alle aziende 'green' che si occupano di manutenzione di aree verdi, pulizia di edifici e cura del paesaggio e che hanno segnato il maggior aumento: 7.379 in pi, con un tasso di sviluppo del 23,1%. (segue)

(Lab/Col/Adnkronos)