Iran: anniversario rivoluzione, minoranze religiose restano nel mirino (2)
Iran: anniversario rivoluzione, minoranze religiose restano nel mirino (2)

(Adnkronos/Aki) - Oggi, come ogni anno, centinaia di migliaia di sciiti hanno invaso le piazze di Teheran e delle altre citta' del paese per il 35esimo anniversario della rivolta che porto' alla caduta dello shah Mohammad Reza Pahlavi. Ma le promesse di giustizia, democrazia e stato di diritto - alla base della rivoluzione guidata dall'ayatollah Ruhollah Khomeini - sono andate tradite.

In questi 35 anni, il governo - e' precisato sul 'Nyt' - ha agito per cancellare l'identita' pre-islamica dell'Iran, scoraggiando ad esempio le celebrazioni per il Nowruz, festivita' dalle radici zoroastriane che si celebra il primo giorno dell'anno del calendario persiano, il 21 marzo. Malgrado cio', molti zoroastriani continuano a coltivare le loro tradizioni. Ancora lo scorso anno migliaia di zoroastriani si sono recati in pellegrinaggio a Yazd, la loro 'capitale', e a Shiraz, dove il Nowruz viene festeggiato davanti alla tomba di Ciro Il Grande,situata nell'antico sito archeologico di Persepoli.

Il recente accordo sul nucleare e le aperture del governo nei confronti dell'Occidente hanno suscitato entusiasmo nella comunita' internazionale, mentre le speranze delle minoranze sono rimaste deluse. Niente e' ancora cambiata e la nuova 'rivoluzione' liberale promessa da Rohani sembra ancora lontana dal concretizzarsi.

(Spi/Col/Adnkronos)