Banche: consumatori, ritenuta 20% su rimesse estere ennesimo abuso
Banche: consumatori, ritenuta 20% su rimesse estere ennesimo abuso

Roma, 15 feb. - (Adnkronos) - "La ritenuta del 20% che le banche sono obbligate a trattenere su tutti i bonifici esteri che arrivano sui conti correnti italiani, rappresenta l’ennesimo abuso di potere di un ministro dell’Economia incapace (a dir poco) in combutta con l’agenzia delle Entrate, che continuano a vessare ed inutilmente i contribuenti, considerandoli evasori a prescindere". Lo affermano Adusbef e Federconsumatori in una nota, in cui chiedono il ritirno della cedolare.

"Dal 1 febbraio 2014 infatti, sui bonifici dall'estero a persone fisiche italiane la banca deve applicare automaticamente una ritenuta del 20% perch le somme accreditate si considerano reddito imponibile, salvo prova contraria del contribuente. Spetta al beneficiario del bonifico, infatti, dimostrare che le somme non hanno natura di compenso 'reddituale'", si spiega nel testo.

Tra le conseguenze le associazioni dei consumatori indicano il rischio di una diminuzione dell’afflusso di capitali dall’estero, con relativo impoverimento del reddito interno disponibile per consumi e investimenti e che rimarranno impastoiati i cittadini che ricevono occasionalmente piccole somme, di natura finanziaria o meno.

(Red/Ct/Adnkronos)