Potenza: giovane ucciso in rissa, e' grave l'uomo che lo ha accoltellato
Potenza: giovane ucciso in rissa, e' grave l'uomo che lo ha accoltellato

Potenza, 20 feb. (Adnkronos) - E' piantonato all'ospedale San Carlo di Potenza l'uomo che ha ucciso Pasqualino Di Silvio, 19enne colpito a morte durante una rissa furibonda scoppiata ieri sera a Lagonegro, nella zona sud della Basilicata. L'uomo, Nicola Viceconte, 57 anni, e' accusato di omicidio per aver accoltellato il ragazzo durante la lite nata con il padre e con la vittima stessa. A sua volta Viceconte e' stato colpito con un corpo contundente dal padre di Pasqualino Di Silvio, Nicolino, ed e' ricoverato in prognosi riservata.

La rissa sarebbe nata da futili motivi, forse c'e' stata qualche occhiataccia o incomprensione nei pressi di un bar tra i Di Silvio (padre e due figli) ed i Viceconte (padre e figlio). Dopo la morte del 19enne, tutti e quattro gli altri sono stati arrestati con accuse a vario titolo per concorso in omicidio, tentato omicidio in concorso e rissa. Durante le indagini sono stati messi sotto sequestro il coltello dell'omicidio, una mazza ferrata ed un bastone utiizzati durante l'aggressione. I rilievi sono stati eseguiti dai carabinieri del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Potenza in collaborazione con quelli del Nucleo operativo della Compagnia di Lagonegro. A parte Viceconte, piantonato in ospedale, gli altri tre arrestati sono stati condotti presso le Case circondariali di Sala Consilina e Potenza. Le indagini si stanno concentrando sull'accertamento delle cause della rissa e sugli istanti fatali in cui la tragedia si e' consumata.

(Nfr/Col/Adnkronos)