Agricoltura: Ifad e Unilever firmano accordo mondiale partenariato pubblico-privato (3)
Agricoltura: Ifad e Unilever firmano accordo mondiale partenariato pubblico-privato (3)
Ifad, prestiti e sovvenzioni per oltre 256 progetti e programmi in 97 Paesi

(Adnkronos) - Per l'amministratore delegato Unilever, Paul Polman, "ora pi che mai, il mondo ha bisogno di aumentare gli investimenti in agricoltura che, per poter ottenere cambiamenti concreti e significativi tali investimenti, devono provenire sia dal settore pubblico che da quello privato. Sia i piccoli che i grandi agricoltori sono necessari per aumentare la produttivit e fornire cibo a sufficienza per nutrire i poveri del mondo. Al fine di passare dalla sussistenza all'agricoltura commerciale - aggiunge - 1,5 miliardi di persone, che dipendono da piccole aziende, hanno bisogno di accedere alla conoscenza, ai beni, al credito, ai mercati e alla gestione del rischio che possono giungere dalle imprese pi grandi".

Sia Ifad che Unilever hanno simili impronte geografiche e Paesi(quali Cina, India e Indonesia) fondamentali per lo sviluppo e la crescita. Entrambe le organizzazioni sono guidate da principi e obiettivi affini, condividono inoltre gli stessi impegni, volti al miglioramento delle condizioni di vita dei piccoli agricoltori e allo sradicamento della povert. Attraverso un programma di prestiti e sovvenzioni per oltre 256 progetti e programmi in 97 Paesi, l'Ifad sta aiutando 78,7 milioni di abitanti delle zone rurali a ricevere servizi che possano permettere loro di uscire dalla povert. I progetti in particolare sono rivolti alle donne, che nel 2013 rappresentavano circa il 50% dei beneficiari delle attivit Ifad.

Nel 2010, Unilever ha disposto il suo Piano di azione sostenibile, impegnandosi in un percorso di crescita sostenibile lungo dieci anni con l'obiettivo di aiutare pi di un miliardo di persone a migliorare la loro salute e il loro benessere, procurando tutte le materie prime tramite un sistema sostenibile entro il 2020 e sganciando la sua crescita dal suo impatto ambientale. Per sostenere questi tre grandi obiettivi sono stati definiti sette pilastri di cui tre concentrati sul miglioramento della condizioni di vita, l'approvvigionamento sostenibile delle risorse e la nutrizione. Dalla fine del 2010, Unilever ha aumentato il numero dei piccoli proprietari educati ad agire in maniera sostenibile, arrivando a circa 450.000 persone.

(Red/Col/Adnkronos)