Edilizia: procuratore Fiordalisi, abusivismo toglie entrate al fisco
Edilizia: procuratore Fiordalisi, abusivismo toglie entrate al fisco
Comuni non idonei a gestire abbattimenti immobili illegali

Roma, 20 feb. (Adnkronos)- La piaga dell'abuvismo edilizio che ha visto solo nel 2013 ben 26 mila immobili illegali costruiti, comporta anche ricadute significative per le casse dello Stato. "Questa edilizia abusiva toglie entrate al fisco e oltretutto si tratta spesso di immobili impignorabili" ha affermato il procuratore capo di Tempio Pausania, Domenico Fiordaliso, intervenendo all’incontro organizzato oggi a Roma da Legambiente "Abusivismo edilizio: l’Italia frana, il Parlamento condona".

"La sanzione della demolizione gravida anche di fortissime tensioni sociali perch, spesso, per le persone interessate ben pi grave di quella pecuniaria e perfino della minaccia di carcere" ha rimarcato il procuratore, in prima linea nella lotta all'abuvismo in Sardegna, che si detto per questo convinto che "i Comuni non i soggetti idonei a gestire gli abbattimenti di immobili abusivi e le tensioni sociali collegate a questi fenomeni".

Ma nell'abusivismo edlizio rientra in pieno anche il problema della sicurezza dei cittadini che si ritrovano ad abitare in territori ad alto rischio idorgeologico. Fiordalisi ha ricordato infatti che dopo l'alluvione in Sardegna, a "Olbia ben 17 quartieri sono risultati illegali" e poi sono franati.

(Red/Col/Adnkronos)