Enti locali: Grasso, dispiaciuto per stop modifiche ma no alternative (2)
Enti locali: Grasso, dispiaciuto per stop modifiche ma no alternative (2)

(Adnkronos) - Grasso ricorda quindi quanto accaduto alle fine dello scorso anno, quando il decreto legge salva-Roma stato oggetto di una lettera del presidente della Repubblica, in cui veniva rilevata l'aggiunta di 10 articoli e 90 commi rispetto al provvedimento del governo. Tra gli emendamenti approvati dalla commissione Bilancio, osserva il presidente. ''sette riproducono testi gi accolti dal Senato nell'esame del precedente provvedimento, tre riguardano disposizioni originariamente contenute nel decreto legge; sono tutte norme che il governo, sotto la sua responsabilit, non ha ritenuto sufficientemente urgenti da reintrodurre nel decreto oggi in esame''.

Mentre per quanto riguarda gli altri cinque emendamenti, il presidente fa notare che la presidenza non pu accogliere ''qualsiasi emendamento recante interventi che in 'latu sensu''' contengono argomenti attinenti ai provvedimenti in esame. Le decisioni della presidenza, ribadisce Grasso, ''hanno un significato strettamente procedurale, che non intende entrare nel merito delle proposte precluse''. Il presidente '' ben consapevole che alcune proposte potrebbero portare un sollievo molto grande'' alle popolazioni in difficolt, e ''condivido la volont dell'aula di sostenere'' i cittadini.

Grasso quindi, si dice d'accordo con la proposta, lanciata dal presidente della commissione Antonio Azzollini, di raggruppare in un disegno di legge di iniziativa parlamentare tutti gli emendamenti, esclusi dal decreto legge enti locali. Il provvedimento, assicura, ''avrebbe tutto l'appoggio della presidenza per una sollecita calendarizzazione''. Quanto accaduto con il decreto legge enti locali, secondo il presidente, ''pu servire da monito in vista nel nuovo governo. Dobbiamo evitare di riproporre queste procedure nei decreti omnibus''.

(Red/Col/Adnkronos)