Enti locali: stop Grasso a oltre meta' modifiche approvate da commissione (2)
Enti locali: stop Grasso a oltre meta' modifiche approvate da commissione (2)

(Adnkronos) - Tra le norme approvate dalla commissione Bilancio, ed eliminate dalla presidenza del Senato, ci sono norme che poco o nulla hanno a che fare con gli enti locali. Viene eliminata la proposta di modifica che prevedeva la stabilizzazione del personale lirico-sinfonico all'interno delle fondazioni. Stop anche alla proposta di modifica che consentiva ai comuni di istituire una tassa di sbarco di 2,5 euro, per le isole minori, in alternativa alla tassa di soggiorno. Non passa, poi, le misure ad hoc, ''per fronteggiare il grave stato di crisi e il mantenimento dei livelli di occupazione del settore turistico balneare in Sardegna''. La mannaia di Grasso colpisce, inoltre, le modifiche al codice delle leggi antimafia, che riguardavano il trasferimento di beni confiscati al patrimonio degli enti territoriali''.

Nel pacchetto di emendamenti bocciati rientra la proposta che introduceva un'articolo aggiuntivo sulle modalit di composizione dei seggi elettorali, che modificava la norma vigente relativa alla formazione degli scrutinatori. Cancellata anche la proposta di modifica che introduceva un'articolo aggiuntivo, sui tempi di presentazione delle relazioni di fine mandato dei comuni. Non passa, inoltre, la proposta di modifica che sbloccava 300 milioni da dare ai comuni in dissesto, per il pagamento alle imprese creditrici nei confronti delle pubbliche amministrazioni.

Tra le proposte bloccate dalla presidenza ci sono anche le misure che avrebbero imposto misure per il contenimento del costo del personale, negli enti locali che non hanno rispettato i vincoli finanziari sulla contrattazione integrativa dei dipendenti. Non passa la proposta di modifica che consentiva di realizzare dei piani triennali della spesa 2014-2016, per ridurre i costi sostenuti per le spese di funzionamento delle strutture regionali. Bloccate le misure che davano una deroga ai comuni con pi di 20.000 abitanti, che avrebbe consentito il riequilibrio del bilancio in tre anni.

(Red/Col/Adnkronos)