Governo: Messori, agire subito su debiti Pa e riordino spesa (2)
Governo: Messori, agire subito su debiti Pa e riordino spesa (2)
no a una patrimoniale una tantum, ma aumentare tasse su rendite

(Adnkronos) - Tre le prime mosse indispensabili. Primo, osserva l'economista, "liquidare effettivamente i debiti della Pa senza impattare sul deficit pubblico, un problema non risolto e ci sono gli strumenti tecnici nella disponibilit del governo". Secondo, prosegue Messori, "ricomporre la spesa pubblica, razionalizzarla prima ancora che ridurla. E' un passaggio essenziale per aprire la societ e renderla favorevole all'innovazione". Un'operazione che deve prevedere "la protezione della parte della popolazione pi debole, a partire da ammortizzatori sociali larghi per chi non trova occupazione, abolendo gli sprechi, come la cig in deroga che inefficiente".

Terzo, la produttivit. "Non si pu influire direttamente su un problema che riguarda il rapporto tra imprese e sindacato ma si pu creare un ambiente favorevole all'innovazione, migliorando innanzitutto i servizi della Pa e d evitando sprechi nella pletora di incentivi offerti alle imprese, che spesso sono poco ordinati".

Solo dopo, secondo Messori, arriva il tema fiscale. Anche su questo fronte, "prima ancora che ridurre indispensabile ricomporre il carico fiscale: alleggerire la tassazione sui redditi medi e medio bassi dei dipendenti e aumentare la tassazione sulla rendita immobiliare e finanziaria". No, invece, a una patrimoniale una tantum. "Non gestibile, con questo livello di funzionamento della Pa, solo punitiva", ma, conclude Messori, "si possono introdurre tassazioni permanenti sulla ricchezza meno distorte di quelle che ci sono oggi".

(Red/Ct/Adnkronos)