Governo: nervi tesi Ncd-Renzi, resta nodo Viminale e ruolo Alfano
Governo: nervi tesi Ncd-Renzi, resta nodo Viminale e ruolo Alfano

Roma, 20 feb. (Adnkronos) - Nervi tesi tra Ncd e Matteo Renzi per la formazione del nuovo governo. Il nodo resta sempre quello del Viminale e il ruolo di Angelino Alfano. Raccontano che i renziani rivendicherebbero per se' un ministero chiave come quello dell'Interno e questo avrebbe spinto il Nuovo centrodestra a puntare i piedi. Tant'e' che in queste ore e' tornata a circolare con insistenza l'indiscrezione di un faccia a faccia chiarificatore tra Alfano e il premier incaricato. Sull'incontro, fatto trapelare in ambienti Ncd per questa sera, non c'e' certezza. Dal Nazareno frenano. Non e' escluso che i due leader si possano sentire al telefono per poi vedersi domani.

In Transatlantico, a Montecitorio, circolano due versioni. Secondo alcuni ad Alfano sarebbe stato offerto un ministero di peso in alternativa agli Interni, ma lui non cederebbe di un millimetro. Secondo altre indiscrezioni la trattativa si sarebbe incagliata sulla presenza del leader di Ncd nella squadra di palazzo Chigi: i renziani, infatti, che spingono per il cambiamento non vorrebbero che questo appaia come un governo targato Renzi-Alfano. Nessun problema, invece, per Maurizio Lupi e Beatrice Lorenzin: i due sarebbero confermati.

(Red/Ct/Adnkronos)