Porto Marghera: rinascita passa per chimica 'verde', a regime nel 2018
Porto Marghera: rinascita passa per chimica 'verde', a regime nel 2018

Roma, 11 mar. (Adnkronos/Labitalia) - Una rinascita 'verde'. Dopo anni di dismissioni, quello che si prospetta per Porto Marghera, uno dei siti chimici e industriali storici del nostro Paese, per il quale, sulla base dell'accordo tra la societ Versalis del Gruppo Eni e i sindacati di categoria Femca Cisl, Uiltec Uil e Filctem Cgil, sono previsti 200 milioni di euro di investimenti per un progetto innovativo di chimica 'verde', e cio di produzioni chimiche da fonti rinnovabili, insieme al riassetto produttivo ed energetico del 'cracking'.

Investimenti che porteranno effetti consistenti sull'occupazione: oggi a Porto Marghera lavorano 400 persone. L'incremento previsto al 2018 di 90 unit, di cui 20 gi nei prossimi 18 mesi.

"Per Porto Marghera -spiega a Labitalia Marco Falcinelli, segretario generale della Filctem Cgil con competenza sul settore della chimica- una svolta epocale. L'accordo importante non solo per il mantenimento e la crescita della dimensione occupazionale, ma anche perch accoglie la nostra richiesta, portata avanti da anni, di mantenere in Italia la produzione tradizionale di chimica, naturalmente rivista rispetto agli anni scorsi, insieme allo sviluppo della cosiddetta chimica verde". (segue)

(Lab/Opr/Adnkronos)