Sindacati: Cofferati, no a diritti veto ma il confronto serve
Sindacati: Cofferati, no a diritti veto ma il confronto serve
sono gia' cambiati, polemiche spariranno

Roma, 11 mar. (Adnkronos) - I sindacati "sono gi cambiati". Oggi, come in altri momenti difficili, "sono capaci di proporre politiche nuove". Per questo, "no ai diritti di veto" e "s al confronto, che serve al buon governo". Lo sostiene, all'Adnkronos, Sergio Cofferati, ex segretario generale della Cgil ora europarlamentare Pd, che guarda alle polemiche fra il premier Renzi e i leader di Cgil, Cisl e Uil, convinto che "spariranno in fretta": "nelle prossime ore il governo presenter i suoi provvedimenti, sia che scelga la forma del decreto sia per altri provvedimenti la forma del ddl, e sar del tutto evidente che esiste uno spazio temporale perch governo, commissioni e gruppi parlamentari si possano confrontare con i soggetti interessati, a partire dai sindacati", spiega.

Quella di Cofferati quasi una esortazione. "A nessuno sfugga, a partire da Renzi, l'importanza che su temi cos delicati e complessi, come quelli annunciati sul lavoro, ci sia fin dall'inizio il consenso pi largo possibile che deve nascere da una discussione franca. Sar poi il merito dei provvedimenti a dirimere, a far trovare le convergenze".

L'ex leader di Corso d'Italia invita anche a uscire dal dilemma concertazione s, concertazione no. "Il confronto preventivo sui grandi temi economici e sociali resta l'ipotesi che ritengo pi efficace ma spetta alle parti decidere come riattivarla o imboccare altre strade". (segue)

(Red/Opr/Adnkronos)