Droga: il neurologo, pericoloso definire leggera la cannabis
Droga: il neurologo, pericoloso definire leggera la cannabis

Roma, 25 mar. (Adnkronos Salute) - "Mai come in questo momento si sta facendo una grande confusione sul tema della cannabis, definita" incautamente "droga leggera. La cannabis da molto tempo ha perso la sua innocenza. Questo pu essere pericoloso perch gli adolescenti, che hanno una capacit critica ancora non completamente formata, possono abbassare pericolosamente la guardia nei confronti della sostanza, che molto pi attiva nel nostro cervello, pi di quanto noi riusciamo ad immaginare. Tanto vero che siamo passati dallo spinello di 10-15 anni fa, che aveva un contenuto di Thc del 5-7%, allo spinello del terzo millennio - il super-spinello - che arriva a concentrazioni del 40-50% di questo principio attivo". Lo ha detto i neurologo Rosario Sorrentino nel corso di un incontro con i ragazzi del liceo Massimo di Roma, per la seconda tappa del percorso nelle scuole realizzato dal neurologo e dal ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

Obiettivo dell'iniziativa: organizzare incontri-dibattito con studenti, genitori e insegnanti, al fine di informare giovani e giovanissimi sui rischi potenziali delle droghe leggere. Sorrentino mette in guardia i ragazzi dai rischi, che non sono da sottovalutare: "Crisi di panico improvvise, fenomeni di depersonalizzazione, allucinazioni, psicosi, disturbi del comportamento e delle vere e proprie depressioni. Oscillazioni del proprio comportamento - spiega l'esperto - che possono lasciare il segno".

(Fed/Zn/Adnkronos)