Privacy: Garante fissa regole per partiti e movimenti politici (2)
Privacy: Garante fissa regole per partiti e movimenti politici (2)

(Adnkronos) - I dati personali di simpatizzanti raccolti in occasione di petizioni, proposte di legge, richieste di referendum possono essere utilizzati ed eventualmente comunicati e diffusi solo con il consenso scritto dei cittadini e a condizione che abbiano ricevuto una informativa dettagliata. Stessa regola vale per la comunicazione a terzi e la diffusione dei dati di coloro che erogano finanziamenti e contributi, salvo i casi previsti dalla legge (ad es. obbligo per i partiti di tramettere alla Presidenza della Camera dei deputati l’elenco dei propri sovventori).

L’informativa deve essere resa al momento dell’adesione al partito o al movimento politico o prima della raccolta dei dati in occasione di singole iniziative (petizioni, proposte di legge, referendum). Nell’informativa devono essere indicate le finalit della raccolta dei dati, l’ambito di circolazione all’interno del partito o del movimento e l’eventuale possibilit di comunicazione all’esterno. Per agevolare il compito il Garante ha predisposto e messo a disposizione un modello di informativa agile e di immediata comprensione.

Quanto a garanzie per i cittadini e misure di sicurezza, l’iscritto, l’aderente, il semplice cittadino, chi sovvenziona il partito o il movimento ha diritto di accedere ai propri dati personali, ad aggiornarli o rettificarli; pu conoscere i soggetti cui possono essere comunicati, e opporsi, in ogni momento, alla ricezione di materiale elettorale. (segue)

(Red/Zn/Adnkronos)