Sanita': a Lanciano defibrillatore salvavita in paziente di 170 chili
Sanita': a Lanciano defibrillatore salvavita in paziente di 170 chili

Chieti, 25 mar. (Adnkronos Salute) - Eccezionale intervento salvavita a Lanciano su un paziente che pesa 170 chilogrammi. L'quipe del direttore della cardiologia Utic dell'ospedale, Luigi Leonzio, ha impiantato un defibrillatore cardiaco (Icd) bicamerale al paziente, un 57enne ad alto rischio affetto da tachicardie ventricolari sostenute iterative a elevata frequenza, nonch da una grave obesit. Il paziente era ricoverato in rianimazione, tracheostomizzato e in ventilazione assistita per grave insufficienza respiratoria da pregressi multipli focolai broncopneumonici ed enfisema polmonare.

L’Icd costituito da un generatore impiantato sottocute e da uno o pi elettrocateteri posizionati nelle camere cardiache, in grado di rilevare, interpretare e memorizzare l’attivit elettrica del cuore e, all'occorrenza, di erogare stimolazioni o shock elettrici. l’unico apparecchio in grado di riconoscere una tachiaritmia ventricolare maligna e di erogare una terapia elettrica immediata in pazienti a rischio di morte cardiaca improvvisa.

"L’intervento – riferisce Leonzio – stato eseguito in anestesia generale in presenza dei medici rianimatori. Durante l’impianto il paziente ha presentato nuove recidive di tachicardia ventricolare sostenute, cardiovertite con pacing antitachicardico, e ipotensione arteriosa trattata farmacologicamente. Il risultato finale stato ottimale; il controllo del defibrillatore impiantato ha dimostrato soddisfacenti parametri di pacing e sensing".

(Stg/Ct/Adnkronos)