Sanita': sindacati su Cri, pronti a scioperare per mancanza garanzie contrattuali
Sanita': sindacati su Cri, pronti a scioperare per mancanza garanzie contrattuali
Mobilitazioni previste per il 31 marzo e il 4 aprile

Roma, 25 mar. - (Adnkronos Salute) - I lavoratori della Croce rossa italiana pronti a scendere in piazza e a mobilitarsi con le federazioni di categoria di Cgil, Cisl, Uil e Cisal per non avere ottenuto certezze lavorative e salariali date dal passaggio da ente pubblico ad associazione di diritto privato. "Non c' nessuna garanzia - tuonano i sindacati dopo l'incontro di ieri con i vertici della Cri - Il 31 marzo sono previsti presidi regionali e il 4 aprile una manifestazione nazionale".

"E' il primo caso Electrolux del pubblico impiego". Cos le federazioni di categoria stigmatizzano le proposte dei vertici della Croce rossa italiana, sottoposto alla riforma che lo render privato: "nessuna garanzia sui livelli occupazionali, minaccia di una riduzione dei salari, gi bassi, e un'assoluta precariet dei contratti a termine" - sostengono i sindacati. Dunque una chiusura netta da parte della Cri che ha portato Fp-Cgil, Cisl-Fp, Uil-Pa e Cisal-Fialp all’interruzione immediata delle trattative e a indire un crescendo di mobilitazioni: il 31 marzo con presidi regionali davanti alle sedi Cri e iniziative di sensibilizzazione verso gli assessori alla Salute delle regioni e il 4 aprile con una manifestazione nazionale.

"La Croce rossa ha fatto carta straccia degli impegni presi e formalizzati nel protocollo d’intesa del 27 febbraio scorso. E ora vuole scaricare il peso di decenni di cattiva gestione sulle spalle dei lavoratori. Per questo chiameremo in campo anche i ministri vigilanti, Funzione pubblica e Salute, e la Conferenza delle regioni". (segue)

(Stg/Zn/Adnkronos)