Tumori: Cognetti, Italia ultima in Europa in prevenzione (2)
Tumori: Cognetti, Italia ultima in Europa in prevenzione (2)

(Adnkronos Salute) - L'allungamento della vita garantito anche da farmaci antitumorali innovativi sempre pi efficaci, sottolineano gli esperti. "E' un circolo virtuoso, ma con un’inevitabile serie di costi da affrontare - afferma Stefano Cascinu, presidente dell'Associazione italiana di oncologia medica - Il tetto della spesa farmaceutica territoriale stato ridotto all’11,35% del Fondo sanitario nazionale, il tetto di quella ospedaliera al 3,5%. La maggior parte delle terapie anticancro rientra in quest'ultima voce, per cui prevedibile che quest’a percentuale sar superata e dovr essere rivista. Ma le esigenze di contenimento dei costi non possono frenare la spinta verso l’innovazione. I nuovi farmaci hanno cambiato la storia naturale di alcune neoplasie".

In Europa alcune scelte hanno ridotto fortemente la scoperta di farmaci innovativi: negli anni '70 il 55% delle nuove molecole era targato Ue, oggi solo il 31%. Nel nostro Paese 2 milioni e 800 mila persone vivono con una diagnosi di tumore: erano quasi 1.500.000 nel 1993 e 2.250.000 nel 2006. Nel 2013 sono stati registrati 366 mila nuovi casi. "In Italia, le associazioni dei pazienti non sono a nessun livello coinvolte dall’Agenzia del farmaco nonostante una specifica norma prevista da una legge dello Stato - afferma Francesco De Lorenzo, presidente European Cancer Patient Coalition - Pazienti e societ scientifiche non intendono intervenire nei processi decisionali dell’Aifa, ma rivendicano il diritto di essere convocati e ascoltati sulle questioni regolatorie". (segue)

(Mad/Ct/Adnkronos)