SANITA': OK A SPECIALIZZAZIONE PER 600 NEOLAUREATI
SANITA': OK A SPECIALIZZAZIONE PER 600 NEOLAUREATI

Roma, 9 feb. (Adnkronos Salute) - I neolaureati in medicina vincitori del concorso di specializzazione, anche sprovvisti di abilitazione professionale, potranno iscriversi in sovrannumero alle scuole. E' il risultato di un provvedimento del ministero dell'Universita' e della Ricerca Scientifica approvato oggi dal Consiglio dei Ministri, con il quale vengono attivate 600 nuove borse di studio grazie a risorse del fondo sanitario nazionale messe a disposizione dal ministro della Sanita' Elio Guzzanti.

Il motivo che ha spinto il ministro della Sanita' a mettere a disposizione i fondi e' stato quello di ''salvare i migliori medici proprio nel momento in cui la sanita' sta cambiando e si punta alla migliore efficienza. Sarebbe stato un peccato perdere quest'occasione di avere specializzati i migliori medici italiani''.

Il decreto varato oggi e limitato all'anno accademico 1995-96, stabilisce che ''nell'ambito dei posti risultanti dalla programmazione stabilita dal DL n.257/91, anche in deroga alla dotazione di diritto di ciascuna scuola di specializzazione e con salvezza degli eventuali posti aggiuntivi, i laureati in medicina e chirurgia, collocati utilmente nelle graduatorie relative all'immissione a tali scuole per l'anno accademico 1995-96, previo scorrimento, sono ammessi in soprannumero alle scuole anche se sprovvisti del titolo di abilitazione all'esercizio professionale, purche' conseguano tale titolo entro il primo semestre dal primo anno di corso. In tale periodo svolgono esclusivamente formazione teorica e attivita' propedeutiche a quelle pratiche rivolte all'assistenza. Il mancato conseguimento dell'abilitazione entro tale termine comporta l'automatica esclusione dalla scuola''.

(Ria/Adnkronos Salute)