ANTIBIOTICI: RESISTENZA E.COLI AI FLUOROCHINOLONI
ANTIBIOTICI: RESISTENZA E.COLI AI FLUOROCHINOLONI

Ulma, 20 feb. (Adnkronos Salute) - L'emergenza della resistenza dell' E.coli ai fluorochinoloni nei centri oncologici europei e del Medio Oriente e' indipendente e di origine multiclonale, secondo uno studio pubblicato sulla AAC.

Il genotipo (realizzato con uno studio dei polimorfismi di restrizione e PCR) del DNA dei ceppi di E.coli resistenti ai fluorichinoloni isolati del sangue di 37 pazienti provenienti da 10 centri oncologici, mostra genotipi differenti secondo i centri.

All'interno dello stesso centro, la resistenza non e' ristretta a un solo ceppo; certi pazienti possono essere portatori di ceppi di E.coli di genotipo identico contrariamente ad altri.

Questi risultati confermano il rischio di trasmissione di un dato ceppo all'interno di uno stesso centro e indicano la grande diversita' genetica dei ceppi di E.coli resistenti che sono emersi dai centri oncologici.

Gli isolati controllati, resistenti (21 pazienti di un servizio di chirurgia) e sensibili (15 pazienti) mostrano genotipi diversi di quelli, resistenti, isolati nei pazienti cancerosi. Peraltro, gli autori constatano che la differenza clonale e' minore negli isolati di pazienti cancerosi.

La maggioranza di questi ceppi resistenti, qualunque sia la loro origine, possiede una resistenza pleiotropica ad agenti antimicrobici di struttura differente. Dall'81 al 94% sono resistenti all'ampicillina, dal 76 al 94% alla tetraciclina, dall'86 al 100% al cloramfenicolo e, infine, dal 90 al 100% alla combinazione trimetoprim-sulfametossazolo.

(Antimicrobial Agents and Chemotherapy, febbraio, vol. 40, n. 2, pagg. 387-392)

(Red/Adnkronos Salute)