APOPTOSI: RICERCATORI ITALIANI RIUNITI A ROMA
APOPTOSI: RICERCATORI ITALIANI RIUNITI A ROMA

Roma, 23 feb. (Adnkronos Salute) - Nuovi studi italiani sulla morte cellulare sono stati presentati oggi a Roma nel corso di un simposio organizzato dall'istituto Regina Elena e dalla societa' italiana per lo studio della proliferazione cellulare di Palermo.

''Le novita' rilevanti venute fuori nel corso di questo incontro - spiega all'Adnkronos Salute la professoressa Ada Sacchi direttore del laboratorio di oncogenesi del Regina Elena - sono essenzialmente due. Da una parte c'e' l'identificazione delle proteine che mediano la transglutaminasi che regola a sua volta l'apoptosi. Identificazione attuata soprattutto in vivo perche' i dati cosi' ottenuti indicano meglio dei dati in vitro il processo che avviene nell'organismo''.

''D'altra parte - ha continuato la prof.a Sacchi - mi sembra piuttosto rilevante l'identificazione dei blocchi che, durante il ciclo cellulare, impediscono l'apoptosi oppure la consentono. Questi due elementi possono far ben comprendere quali siano i livelli sui quali si puo' operare per ottenere in laboratorio la morte cellulare ed eventualmente la sinergia con i farmaci. In questo simposio, inoltre, e' stato possibile fare il punto sull'attualita' della ricerca e capire meglio quali siano le diverse strade che dentro le cellule portano alla morte. Identificare i diversi percorsi che portano una cellula a morire e' di grande importanza per poter individuare bersagli specifici da colpire con farmaci che accelerino o blocchino il processo di apoptosi''.

''Il livello degli studi illustrati, soprattutto quelli presentati dal gruppo di ricerca di Tor Vergata diretto dal prof. Piacentini - ha concluso la prof.a Sacchi - e' stato piuttosto elevato. Importanti anche gli studi presentati dai nostri laboratori del Regina Elena, ma ancora piu' importante la cooperazione e l'interazione che potra' crearsi tra i diversi ricercatori e che puo' portare a enormi progressi nel trattamento dei tumori''.

(Nsr/Adnkronos Salute)