CIRROSI: STABILIZZAZIONE CON COLCHICINA
CIRROSI: STABILIZZAZIONE CON COLCHICINA

Bogota, 23 feb. (Adnkronos Salute) - Secondo uno studio colombiano coordinato dal dott. A. Albornoz e dai suoi colleghi dell'Universita' Javeriana di Bogota', il trattamento della cirrosi con la colchicina permette la stabilizzazione dello stato dei pazienti nel 78,02% dei casi. Lo studio e' stato presentato al Congresso di epatologia IASL a Citta' del Capo.

I ricercatori colombiani hanno incluso nello studio 91 pazienti affetti da cirrosi alcolica (95,6%) o da epatite cronica (3,3%) o da cirrosi biliare primaria (4,3%). Questi malati hanno ricevuto 1 mg/die di colchicina nel corso di oltre 10 anni (5%), 5 anni (50%), 3 anni (30%) e tra 1 e 2 anni (15%).

I risultati indicano una stabilizzazione per il 78,02% delle persone trattate e guarigione nel 4,39% dei casi. Tra i pazienti trattati si sono verificati il 7,58% di decessi, mentre tutti i soggetti controllo sono morti nel periodo entro i 10 anni.

(Red/Adnkronos Salute)