OMEOPATIA: ANIPRO- IL MERCATO E' SALVO
OMEOPATIA: ANIPRO- IL MERCATO E' SALVO

Milano, 23 feb. (Adnkronos Salute) - L'autorizzazione dei prodotti omeopatici presenti in Italia al 31 dicembre 1992 approvata ieri dal Consiglio dei Ministri e' stata cosi' commentata all'Adnkronos Salute dal dott. Luigi Manuppelli - segretario scientifico dell'ANIPRO (l'associazione dei produttori del settore) a margine del convegno ''Legge per l'omeopatia, come cambiarla?'' che si e' tenuto nell'ambito della prima edizione di SABEN, convegno-mostra Natura e Salute.

''Regolamentati da una circolare ministeriale del 1989 - precisa Manuppelli - i medicinali omeopatici rischiavano di uscire dal mercato in seguito al decreto legislativo 185 dell'anno scorso che recepiva la direttiva comunitaria 9273 del 1992. Tale decreto contiene delle norme che, se applicate, avrebbero potuto far uscire dal mercato italiano circa il 60% dei prodotti omeopatici''.

Questa era la prima delle richieste espresse dal Comitato per la Difesa dell'Omeopatia nel corso dei lavori. L'altra, e' che l'apposita Commissione istituita dal Ministero della Sanita' si riunisca entro breve tempo.

In cifre, il pianeta omeopatia in Italia si puo' sintetizzare in un fatturato 1994 di 120 miliardi di lire e in 15/20 milioni di pezzi venduti in farmacia. Nel 1993 utilizzavano prodotti omeopatici 2 milioni di italiani, secondo dati DOXA; oggi circa 5 mila medici li prescrivono e 5 mila sono le farmacie che li vendono.

(Bos/Adnkronos Salute)