AMBIENTE: OMS- A PASQUA GIORNATA MONDIALE PER 'CITTA' SANE'
AMBIENTE: OMS- A PASQUA GIORNATA MONDIALE PER 'CITTA' SANE'

Roma, 2 apr. (Adnkronos Salute) - Con lo slogan ''Citta' sane per una vita migliore'' l'OMS celebrera' il 7 aprile prossimo, giorno di Pasqua, la giornata mondiale della Sanita' che quest'anno ha come tema proprio le ''Citta' sane''. La coincidenza con la Pasqua e' casuale perche' ogni anno l'OMS e i suoi stati membri scelgono la data del 7 aprile, cioe' il giorno in cui fu approvata la Costituzione dell'Organizzazione Mondiale della Sanita'.

Secondo l'OMS, entro la fine del secolo piu' di meta' della popolazione mondiale sara' concentrata nelle citta' e tra circa 15 anni si prevede che piu' di 25 citta' nel mondo avranno una popolazione superiore ai 20 milioni di abitanti.

Il progetto ''Citta' sane'', iniziato dall'Ufficio Regionale Europeo dell'OMS nel 1987 con il coinvolgimento di 11 citta' - riferisce il Ministero della Sanita' - ha riscosso un grande successo e vi aderiscono oggi piu' di 450 citta' non solo europee ma anche di altre regioni del mondo. I principali campi di applicazione del progetto riguardano gli stili di vita, la protezione dell'ambiente urbano, scolastico, di lavoro, il riorientamento dei servizi sanitari, la prevenzione delle malattie. Nell'ambito del progetto sono stati istituiti numerosi piani d'azione (multi-city action plans) riguardanti tematiche specifiche quali: l'alcolismo, il fumo, l'AIDS, l'alimentazione, gli anziani, i giovani, le donne, le realta' abitative, la salute mentale, l'ambiente, l'emarginazione.

Per il nostro Paese partecipano al progetto le citta' di Padova e Bologna. Nel dicembre 1995 si e' costituita ufficialmente a Bologna, con Atto di Intesa, la Rete italiana delle Citta' sane. Le Amministrazioni comunali hanno aderito e si sono impegnate ad affrontare le tematiche relative alla salute con un metodo intersettoriale e trasversale rispetto a tutte le aree di competenza dell'Amministrazione (sanita', sicurezza sociale, scuola, urbanistica, ambiente).

Gli altri comuni italiani aderenti sono: Ortona, Salerno, Marano di Napoli, Anzola Emilia, Casalecchio di Reno, Castelmaggiore, Ferrara, Forli', Imola, Modena, Monzuno, Ozzano dell'Emilia, Ravenna, Savigno, S.Benedetto Val di Sambro, Monfalcone, Pordenone, Tolmezzo per la Rete Carnica, Udine, Roma, Imperia, La Spezia, Cadrezzate, Ancona, Macerata, Campobasso, Moncalieri, Verbania, Vercelli, Casale Monferrato, Nuoro, Messina, Palermo, Prato, Rosignano Marittimo, Rovigo, Taglio di Po.

Va ricordato - conclude il Ministero - che per ''citta' sana'', l'OMS non intende una citta' che abbia raggiunto un particolare stato di salute e di benessere, ma indica invece come ''healthy city'' una citta' che ha preso coscienza del concetto di salute e della sua importanza e che si adopera per migliorare le condizioni di vita e di benessere fisico, psichico, ambientale e sociale dei propri abitanti.

(Ria/Adnkronos Salute)