CA.TESTA E COLLO: STUDIO ITALIANO SU CHEMIOTERAPIA
CA.TESTA E COLLO: STUDIO ITALIANO SU CHEMIOTERAPIA

Palermo, 10 apr. (Adnkronos Salute) - Uno studio multicentrico italiano mostra l'efficacia della chemioterapia con vinorelbina, cisplatino e 5 fluoro-uracile nel trattamento del carcinoma a cellule squamose della testa e del collo allo stadio avanzato e non resecabile.

Il dott. Vittorio Gebbia e i suoi colleghi dell'Universita' di Palermo avevano gia' mostrato l'efficacia di questo trattamento in questo tipo di carcinoma ricorrente e/o metastatico.

I medici hanno somministrato a 60 pazienti con carcinoma a cellule squamose della testa e del collo non ancora trattati 80 mg/m2 di cisplatino il primo giorno, 600 mg/m2 di 5 fluoro-uracile in perfusione di 4 ore ai giorni 2 e 5 e 25 mg/m2 di vinorelbina iv ai giorni 2 e 8. La maggior parte dei pazienti presentava un cancro allo stadio IV.

Dopo una media di 3,86 cicli per paziente, il tasso di risposta globale e' stato dell'88% e il tasso di risposta completa del 23%. Nella maggioranza dei casi, la chemioterapia e' stata ben tollerata e la neurotossicita' e' risultata non importante.

Terminata la chemioterapia, i pazienti sono stati sottoposti a un appropriato trattamento topico, radioterapia o chirurgia in seguito al quale il 58% dei soggetti non mostrava alcuna malattia clinica. La media di sopravvivenza senza recidiva e' stata di 16 mesi e la media di sopravvivenza globale di 23 mesi.

(Cancer, vol. 79, n. 7, pagg. 1394-1400)

(Red/Adnkronos Salute)