INFARTO: H.PYLORI FATTORE RISCHIO RISTENOSI ANGIOPLASTICA
INFARTO: H.PYLORI FATTORE RISCHIO RISTENOSI ANGIOPLASTICA

Roma, 26 ago. (Adnkronos Salute) - Il fatto di essere infettati dal batterio H. pylori costituirebbe un fattore di rischio di ristenosi dopo angioplastica, secondo quanto suggerito da uno studio condotto da ricercatori dell'Universita' Cattolica di Roma.

Nella ristenosi sono implicati meccanismi diversi da quelli che sviluppano l'aterosclerosi. I ricercatori hanno cercato la presenza di anticorpi anti-H.pylori in 112 pazienti sottoposti ad angioplastica. Questi sono stati rilevati in 81 pazienti (72%).

Sei mesi dopo l'intervento la ristenosi e' stata osservata nel 57% dei pazienti sieropositivi agli anticorpi anti-H. pylori, e nel 10% dei sieronegativi.

L'infezione (presente o passata, in quanto gli anticorpi rimangono per certo tempo dopo l'eradicazione), da parte di questo batterio rappresenta dunque secondo gli autori, un fattore di rischio di ristenosi, che indica che questi risultati non sono modificati dalla considerazione di altri fattori di rischio noti.

(Red/Adnkronos Salute)