RPT CANCRO: GARATTINI (CSS) - DI BELLA HA I TRATTI DEL CIARLATANO
RPT CANCRO: GARATTINI (CSS) - DI BELLA HA I TRATTI DEL CIARLATANO
(VERSIONE CORRETTA)

Roma, 19 dic. (Adnkronos Salute) - ''E' aberrante ricorrere all'emotivita' di chi soffre e rifiutare qualunque controllo sulla validita' scientifica della terapia messa a punto. Ritrovo nel professor Di Bella le caratteristiche del ciarlatano''. Cosi' Silvio Garattini, presidente della quinta sezione del Consiglio Superiore di Sanita', bolla il comportamento del medico modenese che si oppone alla sperimentazione del suo metodo e chiede che a giudicarne la validita' sia una commissione nominata ad hoc dal ministero della Sanita'.

''Il ciarlatano, secondo l'American Society of Cancer -afferma Garattini- si sente perseguitato dalla medicina ufficiale, ricorre a metodi terapeutici senza basi provate e si oppone alle sperimentazioni: chi vuole tragga le sue conclusioni. Con un documento ufficiale il Css ha chiesto al ministro Bindi di intervenire immediatamente perche' questa situazione selvaggia non e' ammissibile in un Paese civile''. Garattini denuncia l'esistenza di assurde discriminazioni: ''da un lato esistono rigorose procedure per autorizzare i protocolli di ricerca, dall'altro c'e' un uomo che da pou' di vent'anni irride la legge. Non abbiamo -continua- potere poliziesco, non possiamo imporgli di fermarsi ma non siamo qui per perseguitarlo, saremmo felici se si scoprisse che il suo e' il rimedio del secolo''.

''Siamo qui per capire -gli fa eco Mario Condorelli, presidente del Css- e chiediamo che Di Bella fornisca almeno cento cartelle cliniche. Non e' piu' possibile accettare che quest'uomo si rifiuti di dare qualsiasi informazione, qualsiasi documentazione sulla sua cura''.

Dal Css un appello viene lanciato anche ai medici che prescrivono come anticancro la somatostatina, da usare per le emorragie gastriche e non autorizzata contro i tumori. ''E' una grave responsabilita' per un medico sottrarre un paziente a una terapia supportata scientificamente'', sottolinea Condorelli che aggiunge: ''Di Bella si sente perseguitato dalle case farmaceutiche? E' lui prescrivendo la somatostatina, farmaco costoso classificato in fascia H e tranquillamente venduto nelle farmacie, a fare gli interessi delle aziende che lo producono. Una delle quattro case produttrici -conclude- ha comunque diffidato Di Bella ad usare la somatostatina per il suo metodo''.

(Mad/Adnkronos Salute)