CANCRO: PARODI - SU DI BELLA ITALIA INCAPACE DI FRONTE EUROPA
CANCRO: PARODI - SU DI BELLA ITALIA INCAPACE DI FRONTE EUROPA

Roma, 22 dic. (Adnkronos Salute) - ''L'audizione del professor Di Bella davanti al parlamento europeo e' un fatto piu' che altro formale. E, dopo, gli stranieri diranno ancora peggio dell'Italia, ancora incapace di risolvere una questione cosi' importante''. Cosi' il professor Eolo Parodi, presidente dell'ENPAM l'ente di previdenza dei medici ed europarlamentare, commenta l'audizione di Luigi Di Bella davanti ai membri della commissione sanita' di Bruxelles, prevista per il prossimo 28 gennaio.

''Assistero' all'incontro dei rappresentanti europei con Di Bella - ha detto Parodi all'Adnkronos Salute - ma la sede in cui bisogna agire e' quella nazionale. Di Bella deve tirar fuori tutta la sua documentazione e il ministero della Sanita' deve fare un'inchiesta, che metta fine alle speculazioni. Il primo problema e' la tutela dei malati: chi ha un tumore in casa andrebbe ovunque per avere un briciolo di speranza in piu'. Bisogna dare certezze e fare chiarezza sull'effettivo valore del metodo in questione''.

''Fa riflettere in ogni caso - continua - la considerazione che, se le industrie farmaceutiche sapessero dell'esistenza di un farmaco capace di curare il cancro, se ne sarebbero impadronite. E questo non e' accaduto. Non aggiungiamo - conclude Parodi - altre punizioni ai malati, e soprattutto non speculiamo sulle loro speranze. Bisogna che chi di dovere metta finalmente alla prova il metodo Di Bella''.

(Stg/Adnkronos Salute)