IMPOTENZA: L'ANDROLOGO - 'FEMMINILIZZATI' DAI GAS DI SCARICO
IMPOTENZA: L'ANDROLOGO - 'FEMMINILIZZATI' DAI GAS DI SCARICO

Roma, 22 dic. (Adnkronos Salute) - ''Femminilizzati'' dai gas di scarico. Le emissioni degli autoveicoli contengono un'alta percentuale di ormoni femminili concentrata, in specie estrogeni, che a lungo andare provocano in sempre piu' larga parte della popolazione maschile fenomeni di impotenza. Lo ha affermato il professor Aldo Isidori, andrologo dell'universita' ''La Sapienza'' di Roma a margine dell'incontro per la reimmissione in commercio del cerotto ''Vir''.

''Oltre alle cause gia' da tempo indicate - ha spiegato isidori all'Adnkronos Salute - che provocano l'impotenza maschile, come stress, fattori psicologici dipendenti dal nuovo ruolo che la donna sta assumendo nell'ambito della societa', una causa spesso non presa in considerazione e' la responsabilita' che hanno i gas di scarico e le emissioni industriali. Questo spiegherebbe anche perche' l'impotenza non e' in stretta relazione con l'eta', infatti essa e' in aumento nella popolazione giovanile, nelle societa' industriali''.

''Stiamo assistendo quindi ad una sorta di 'femminilizzazione' delle societa' industrializzate - e in special modo di quella dei grandi centri urbani - precisa l'andrologo - infatti l'impotenza e' presente nelle societa' industrializzate e pressoche' assente nei paesi in via di sviluppo. Ma in seguito a studi condotti l'impotenza e' particolarmente presente nelle citta' dove i tassi di inquinamento da estrogeni sono alti. Altri inquinanti come il piombo invece influenzano la fertilita'''.

''A volte - ha concluso Isidori - non si blocca il traffico perche' i livelli di biossido di carbonio non oltrepassano le soglie consentite, ma non si considerano mai gli effetti di altre sostanze. Proprio per gli effetti provati sull'impoetnza maschile, il ministero della Sanita' sta prendendo in esame di considerare anche i livelli di ormoni emessi con i gas di scarico delle automobili o delle emissioni industriali per un loro controllo''.

(Mcu/Adnkronos Salute)