CUORE: NELLA DONNA STESSI FATTORI RISCHIO AD 1 ANNO DAL BYPASS
CUORE: NELLA DONNA STESSI FATTORI RISCHIO AD 1 ANNO DAL BYPASS

Baltimora, 16 giu. (Adnkronos Salute)- Ad un anno da un intervento di bypass, la donna presenta gli stessi fattori di rischio di cardiopatia coronarica di prima. Forse sottovaluta la situazione per un falso senso di sicurezza, o per mancanza di informazioni importanti, e resta quindi ''vulnerabile'' . Il dato risulta da uno studio dell'universita' Johns Hopkins di Baltimora su 130 donne di 55-75 anni, pubblicato sul ''Journal of Women's Health and Gender-Based Medicine''.

Dodici mesi dopo il bypass il 58% delle pazienti era obesa, il 54% ipertesa, e ben il 92% presentava alti livelli di colesterolo, pur affermando di seguire una dieta povera di grassi. Prima dell'intervento fumava il 17%, dopo il bypass le fumatrici erano ancora il 10%.

Lo studio mostra, scrivono i ricercatori, che i fattori di rischio per il cuore non sono adeguatamente presi in considerazione ed invece devono essere assolutamente ridotti, perche' le coronaropatie sono di gran lunga la causa principale di morte nelle donne. Alcune pazienti pensano che il bypass abbia risolto il loro problema, altre non conoscono a sufficienza i fattori di rischio che portano ad un secondo evento cardiaco; spontaneamente, insomma, non cambiano stile di vita e dieta. E' compito degli operatori sanitari a tutti i livelli, dal cardiologo al medico di base all'infermiere, conclude lo studio americano, convincerle a farlo.

(Gap/Adnkronos Salute)