CA.ESOFAGEO: EFFICACE ASSOCIAZIONE CHEMIOTERAPICA
CA.ESOFAGEO: EFFICACE ASSOCIAZIONE CHEMIOTERAPICA

Boston, 22 giu. (Adnkronos Salute) - La chemioterapia multifrazionata composta da paclitaxel, cisplatino e etoposide si e' rivelata efficace nel trattamento del carcinoma esofageo e gastro-esofageo localmente avanzato.

Lo studio americano condotto dal dottor Jacob J. Lokich e colleghi del Centro dei tumori di Boston ha riscontrato che ognuna delle tre sostanze, in monoterapia o combinata, e' risultata efficace contro il carcinoma gastrico. Per questo, gli autori, hanno voluto sperimentare la risposta dei 3 farmaci nel trattamento del carcinoma esofageo e gastro-esofageo.

Venticinque pazienti, di cui 7 con metastasi epatiche, sono stati trattati con almeno 2 cicli di questa chemioterapia, 2 volte alla settimana per 3 settimane, ripetuta ogni 28 giorni con 50 mg/m2 di paclitaxel, 15 mg/m2 di cisplatino e 40 mg/m2 di etoposide. I soggetti colpiti da carcinoma localizzato sono stati sottoposti a radioterapia con o senza intervento chirurgico.

Sono state riscontrate 3 risposte complete e 19 parziali, con manifestazione di tossicita' ematica, peraltro, facilmente controllabile grazie alle trasfusioni di globuli rossi, o somministrazione di eritropoietina o entrambe. Dopo circa 11 mesi di terapia 2 pazienti sono deceduti, rispettivamente 9 e 29 mesi dopo. Tra i 23 casi sopravvissuti, 14 non hanno manifestato ricadute dopo il trattamento. La sopravvivenza media e' di 12,5 mesi.

(Cancer, Vol.85, n.11, pagg.2347-2351)

(Red/Adnkronos Salute)