TRASFUSIONI: NUOVO VIRUS INFETTA ANCHE PER VIA ORO-FECALE
TRASFUSIONI: NUOVO VIRUS INFETTA ANCHE PER VIA ORO-FECALE

Tokyo, 22 giu. (Adnkronos Salute) - Il virus VTT, il nuovo virus trasmissibile per trasfusioni, apparentemente associato ai casi di epatite post-trasfusionale di eziologia sconosciuta, potrebbe essere anche trasmesso per ingestione orale dopo contatto con materiale fecale di una persona contaminata. E' quanto suggerisce uno studio giapponese condotto dall'equipe del dottor Masato Ukita. I meccanismi di trasmissione del virus, identificato per la prima volta in Giappone 3 anni fa, sono ancora oscuri (tranne quello per via parenterale).

I ricercatori hanno verificato la presenza del virus nella bile e nelle feci. In effetti, osservazioni hanno suggerito che il VTT, non solo e' presente nel sangue, ma potrebbe anche replicarsi nel fegato e in questo caso, attraverso la bile, essere escreto con le feci. Nella bile di 4 pazienti su 5 che presentavo una viremia VTT, gli specialisti hanno rilevato la presenza del virus con la PCR, a titoli 10-100 volte maggiori rispetto a quelli sierici. Il virus e' stato rilevato anche nelle feci di un paziente su 2 testati. In conclusione, secondo gli autori, ''il VTT puo' essere escreto attraverso la bile e le feci e da qui essere trasmesso per via oro-fecale''.

(Journal of Infectious Diseases, vol.179, n.5, pagg.1245-1248)

(Tra/Adnkronos Salute)