ALZHEIMER: UN MANUALE SU COME PRENDERSI CURA DEL MALATO
ALZHEIMER: UN MANUALE SU COME PRENDERSI CURA DEL MALATO

Milano, 19 lug. (Adnkronos Salute) - Un manuale su come prendersi cura del malato di Alzheimer ''prendendo per mano'' chi si occupa di lui con l'ottica di far fronte ai bisogni di entrambi. Realizzato in collaborazione con Alzheimer Europe e le associazioni di sette Paesi membri, e' in fase avanzata di traduzione in italiano e sara' disponibile per il 21 settembre prossimo in occasione della Sesta Giornata Mondiale Alzheimer promossa dall'Organizzazione Mondiale della Sanita'.

''Obiettivo del manuale, che mi risulta essere il primo del genere in Europa, se non nel mondo, - dice all'Adnkronos Salute Gabriella Salvini Porro, presidente della Federazione Alzheimer Italia - e' di essere uno strumento agile per rispondere ai moltissimi interrogativi che ogni giorno si pone chi si prende cura di una persona malata di Alzheimer (in Italia gli individui colpiti sono circa 500mila), con l'ambizione di fornire consigli e suggerimenti pratici volti ad alleviare il peso dell'assistenza (i familiari sono la seconda vittima dell'Alzheimer, dopo il paziente) e di contribuire a migliorare la qualita' di vita del paziente stesso. Con un filo conduttore: soddisfare i bisogni del malato e di chi gli sta accanto''.

I bisogni sono dunque il filo conduttore per circa tre quarti del manuale, suddiviso in sei parti, di cui la prima fornisce informazioni di base sulla malattia di Alzheimer, la seconda analizza la fase iniziale della malattia e fornisce una serie di suggerimenti circa le decisioni importanti da prendere, la terza affronta piu' specificamente l'assistenza quotidiana al paziente, la quarta descrive i problemi e le decisioni che deve prendere la persona che cura un malato, la quinta contiene una serie di informazioni che riguardano questioni e problemi finanziari e legali specifici dell'Italia e la sesta, infine, fornisce il ''biglietto da visita'' della Federazione Alzheimer Italia, presentandone storia, obiettivi e attivita'.

Con una tiratura di 30mila copie (di cui 10mila acquistate da Novartis e destinate ai medici specialisti e 20mila dalla Federazione Alzheimer Italia per essere distribuite alle sue associazioni distribuite su tutto il territorio nazionale) il libro va ad affiancare l'iniziativa che la Federazione Alzheimer Italia ha avviato per la Giornata Mondiale e che vede protagonista un bouquet di fiori. ''L'iniziativa - sottolinea Salvini Porro - e' un 'remake' dell'edizione dell'anno scorso, ma allargata: l'anno scorso era limitata a Milano e provincia, e quest'anno, invece, sono pervenute adesioni da un po' tutta Italia''.

(Bos/Adnkronos Salute)