MEDICI: IN G.U. ATTO DI INDIRIZZO ATTIVITA' INTRAMOENIA
MEDICI: IN G.U. ATTO DI INDIRIZZO ATTIVITA' INTRAMOENIA

Roma, 29 mag. (Adnkronos Salute) - Pubblicato in Gazzetta Ufficiale di venerdi' l'Atto di indirizzo e coordinamento dell'attivita' libero-professionale della dirigenza medica, veterinaria e sanitaria all'interno delle strutture pubbliche, approvato dal Consiglio dei ministri il 27 marzo scorso.

Previsto dalla Finanziaria del '99 e dalla 'riforma Bindi', il provvedimento fissa i principi e le modalita' organizzative a cui dovranno attenersi i direttori generali nel reperire fuori dalle aziende sanitarie gli spazi, come strutture non accreditate o studi privati, per l'esercizio della libera professione intramuraria fino a quando spazi e strutture adeguate non verranno realizzate all'interno degli ospedali, dei policlinici e degli istituti di ricovero e cura convenzionati con le universita'.

L'atto di indirizzo stabilisce, inoltre, i criteri per l'attivazione di misure che assicurino la progressiva riduzione delle liste d'attesa, a cui deve essere finalizzata l'attivita' libero professionale esercitata in esclusivita' di rapporto con il Ssn. L'azienda e' chiamata a valutare l'attivita' istituzionale e le concrete possibilita' di incidere sui tempi d'attesa del singolo dirigente che chiede di svolgere l'attivita' libero professionale. Al direttore generale spetta verificare la riduzione delle liste d'attesa, aumentando anche i tempi di utilizzazione delle apparecchiature e incrementando la capacita' di offerta dell'azienda. (segue)

(Red/Adnkronos Salute)