FARMACI: SVEZIA VERSO TAGLI AI RIMBORSI
FARMACI: SVEZIA VERSO TAGLI AI RIMBORSI

Stoccolma, 18 set. (Adnkornos Salute)- Taglio drastico al rimborso dei farmaci in vista in Svezia, se verranno applicati i correttivi studiati dal Comitato incaricato dal governo di rivedere l'intero sistema. Un pacchetto di misure che verranno presentate ufficialmente al governo all'inizio di ottobre, ma gia' anticipate alla stampa.

Col sistema attuale il cittadino svedese paga per intero le medicine fino a spendere 900 corone (107 euro) l'anno, dopo ottiene i rimborsi fino alle 1800 corone (214 euro). Se in un anno si spende di piu', tutti i farmaci extra quota vengono rimborsati al 100 p.c.; le spese delle medicine per i vari bambini di una famiglia sono sommate.

Il nuovo sistema studiato dal Comitato porta il tetto di non rimborso a 1800 corone l'anno; superata questa cifra il rimborso e' totale, ma su ogni ricetta medica si paga una quota ''amministrativa'' di 40 corone (4,75 euro) da corrispondere al farmacista. Fermo restando il criterio della somma, per i bambini la soglia resta invece a 900 corone, e tutto il resto viene rimborsato totalmente.

Si tratta di una riforma che garantirebbe di economizzare 1,7 mld di corone (202,6 mln di euro), meno 200 milioni (24 mln di euro) previsti di ''perdita'' per l'abbassamento della soglia dei farmaci pediatrici. Tra le proposte del Comitato, anche il taglio totale ai rimborsi di farmaci come Viagra o l'anti-obesita' orlistat.

(Gap/Adnkronos Salute)