FARMACI: COMPARTO CONTRARIO A MISURE GOVERNO PER FINANZIARIA (2)
FARMACI: COMPARTO CONTRARIO A MISURE GOVERNO PER FINANZIARIA (2)

(Adnkronos Salute) - Il comparto e' poi schierato contro qualsiasi misura ''introdotta al di fuori dei tavoli di concertazione'', come quella della vendita dei farmaci da banco nei supermercati. E ancora. Sulla contrattazione dei prezzi, gli addetti ai lavori non sono d'accordo sul suo allargamento ad altri 'oggetti' (al di fuori del prezzo), come volumi di vendita, tetti o altro. E chiedono che la contrattazione rimanga una regola sperimentale e non strutturale come vorrebbe il ministero. Farmindustria insiste poi sul ''bisogno di limitare la deducibilita' fiscale solo alle spese promozionali per convegni e congressi e non per tutto il settore dell'informazione farmaceutica. ''''E' gia' uno sforzo notevole che su questo punto ci e' stato chiesto - commenta Cavicchi - di fare meno mercato e piu' ricerca scientifica perche' con i soldi risparmiati si rifinanzi una legge per gli incentivi fiscali alla ricerca''.

''Misure del genere - commenta ancora il presidente di Farmindustria, Gian Pietro Leoni, riferendosi alle ipotesi governative - sono di carattere strutturale e hanno bisogno di riflessione affinche' non siano finalizzate solo al mero risparmio ma anche al rilancio e allo sviluppo del settore, anche a beneficio dei cittadini. A questi ultimi infatti - conclude - vanno date tutte le opportunita' terapeutiche offerte dai farmaci innovativi''. E proprio oggi, sara' licenziato il documento sul ''Nuovo patto per lo sviluppo del settore farmaceutico'', elaborato dalle parti (ministeri della Sanita', Tesoro, Industria e ricerca scientifica, presidenza del consiglio e 'addetti ai lavori') che siedono al tavolo istituito presso il ministero dell'Industria.

(Fei/Adnkronos Salute)