MEDICINA CINESE: E' DONNA LA PAZIENTE TIPO ITALIANA (2)
MEDICINA CINESE: E' DONNA LA PAZIENTE TIPO ITALIANA (2)

(Adnkronos Salute) - Fra i casi piu' curiosi trattati con successo, Visconti ricorda quello di un bambino con diabete insipido. ''Abbiamo abbinato alla terapia farmacologica 'occidentale' l'agopuntura - spiega - e le medicine si sono rivelate piu' efficaci anche a dosi piu' basse e con meno effetti collaterali''. Il piccolo oggi e' cresciuto e abbina ancora ai farmaci l'agopuntura.

Attualmente al Fatebenefratelli studiano la possibilita' di trattare i problemi di infertilita' di coppia. ''Vogliamo esaminare gruppi con patologie non troppo gravi e seguirli per 6 mesi''. L'obiettivo e' quello di capire se le tecniche tradizionali cinesi possono rivelarsi efficaci anche in questo settore. Fondamentale in Occidente, dice l'esperto, e' la preparazione dei 'camici bianchi'. Secondo i dati dell'Istituto Paracelso di Roma, nel '99 i medici agopuntori in Italia erano circa 12.000, il 60% in piu' rispetto al '93. In 'boom' e' testimoniato anche dalla Fisa (Federazione italiana delle societa' di agopuntura) che registra 2.000 iscritti. ''Per formare i medici al Fatebenefratelli abbiamo istituito corsi di 1, 2 o 3 anni, con 180 ore di teoria e pratica l'anno e 6-10 workshop dedicati a disturbi particolari. Un'organizzazione - conclude Visconti - che ci permette di seguire 15-20 studenti l'anno''.

(Mal/Adnkronos Salute)