ECHINOCOCCOSI ALVEOLARE: UN CASO ANCHE IN AFGHANISTAN
economia
cronaca
spettacoli
sport
cultura
salute
lavoro
sostenibilità
internazionale
multimedia
regioni
immediapress
Segui Adnkronos

Sfoglia l'archivio Adnkronos


ECHINOCOCCOSI ALVEOLARE: UN CASO ANCHE IN AFGHANISTAN

Newcastle upon Tyne (Regno Unito ), 2 dic. (Adnkronos Salute) - Un caso di echinococcosi alveolare e' stato scoperto in un uomo di 67 anni di origine afghana, paese finora ritenuto indenne da questa parassitosi. I ricercatori del Dipartimento di Microbiologia del Freeman Hospital di Newcastle upon Tyne, nel Regno Unito, definiscono ''sorprendente il caso e denunciano l'attuale situazione in Afghanistan per l'impossibilita' di condurre un'adeguata indagine epidemiologica nel Paese''. L'uomo e' soltanto un ospite intermedio e si infetta, abitualmente, con il contatto con mirtilli, fragole o altre bacche contaminate da escrementi di volpe. La parassitosi causa una malattia gravissima che provoca epatomegalia a rischio di carcinoma secondario e cirrosi ipertrofica.

L'uomo e' stato ricoverato in Inghilterra per dolore all'ipocondrio destro, grave dimagrimento e edema del testicolo sinistro. Il paziente non lamentava diarrea, febbre o disuria. La diagnosi e' stata posta per via sierologica dopo aver osservato all'ecografia una grande massa epatica eterogena calcificata. La lesione era inoperabile; e' stata quindi instaurata una terapia a base di albendazolo che ha bloccato la progressione della malattia.

(Journal of Infection, vol. 45, pag. 121-122)

(Tra/Adnkronos Salute)