SONNO: 67% INSONNI ITALIANI DORME MALE DA ALMENO UN ANNO
SONNO: 67% INSONNI ITALIANI DORME MALE DA ALMENO UN ANNO
ALL'OASI DI TROINA TERZA GIORNATA INTERNAZIONALE DEL DORMIRE SANO

Troina (Enna), 21 mar. (Adnkronos Salute) - Il 65% degli italiani che soffre di insonnia si sente stanco al risveglio mattutino, con conseguenti ripercussioni durante il giorno. A contare gli italiani che dormono male e' lo studio Morfeo 2, la piu' vasta indagine nazionale sui problemi di insonnia, che ha coinvolto, nel corso del 2002, diciotto Centri di Medicina del sonno, oltre 600 medici di medicina generale e piu' di 11.000 pazienti. La ricerca conferma che l'insonnia non e' un evento momentaneo, visto che il 67% ne soffre da oltre 12 mesi (insonnia cronica), e che le ripercussioni sulla vigilanza diurna sono numerose e possono creare seri problemi. Il 60% degli insonni si sente teso, irritato e depresso. Il 46% ha difficolta' di concentrazione o di memoria il giorno successivo alla notte 'in bianco'.

Ad aggravare il quadro il fatto che l'insonnia colpisce, nel 53% dei casi, italiani che ancora lavorano. Gli insonni con sonnolenza diurna si assentano per malattia il doppio rispetto a chi dorme in maniera adeguata. Senza contare che, sempre secondo l'indagine Morfeo 2, piu' del 50% degli incidenti avviene in ambiente lavorativo. Per fare il punto sulla situazione italiana domani si terra' una giornata di studio sui disturbi del sonno. Ad organizzarla e' il Centro di medicina del sonno dell'Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico 'Oasi di Troina', in collaborazione con l'Associazione italiana medicina del sonno (Aims). Ma in videoconferenza parteciperanno tutti i 17 centri sparsi per l'Italia, con lo scopo di confrontare i dati raccolti in due anni di ricerca per lo studio Morfeo. (segue)

(Red-Chs/Adnkronos Salute*)