ALZHEIMER: SIRCHIA, DECUPLICATI CENTRI E AUMENTATA SPESA FARMACI
ALZHEIMER: SIRCHIA, DECUPLICATI CENTRI E AUMENTATA SPESA FARMACI

Roma, 6 ott. (Adnkronos Salute) - In tre anni i centri italiani per la diagnosi e la cura dell’Alzheimer sono decuplicati, nel 2003 la spesa per i farmaci rimborsati dal Ssn e’ aumentata del 20% rispetto all’anno precedente. Lo sottolinea il ministro della Salute, Girolamo Sirchia, rispondendo in Aula alla Camera, durante il Question time, a un’interrogazione di Francesco Onnis (An), secondo cui in ‘’Italia la situazione e’ gia’ ai limiti dell’emergenza’’.

Dal 2001, quando il ministero della Salute ha attivato il progetto Cronos, spiega Sirchia, ‘’oltre 90 mila pazienti sono stati visitati e periodicamente controllati dai centri specialistici e presi in carico dalla medicina generale, secondo un piano diagnostico e terapeutico integrato’’. In tre anni ‘’sono state attivate ben 501 strutture specialistiche per la diagnosi e il trattamento del morbo di Alzheimer, oggi distribuiti su tutto il territorio nazionale e in ogni singola regione. Va sottolineato - aggiunge - che prima del progetto Cronos erano presenti solo 50 centri specialistici. Nel 2003 la spesa a carico del Ssn per i farmaci per l’Alzheimer ammessi al rimborso (donezepil, galantamina, rivastigmina) e’ risultata pari a 60,4 milioni di euro, con un aumento del 20% e un piu’ 25% di dosi prescritte rispetto all’anno precedente’’. Quanto al fatto che solo 35 mila dei 90 mila malati di Alzheimer in Italia sono in trattamento farmacologico, Sirchia replica che ‘’questi farmaci risultano efficaci solo su malati di grado lieve-moderato’’.

(Mad/Adnkronos Salute)