FECONDAZIONE: MARTINAZZOLI, NESSUNO TOCCHI L'EMBRIONE - E' DA NAZISTI
FECONDAZIONE: MARTINAZZOLI, NESSUNO TOCCHI L'EMBRIONE - E' DA NAZISTI

Roma, 10 feb. (Adnkronos Salute) - “Se leggo la legge 40 come chi ritiene che l’embrione non persona, non vita, allora la legge appare inutilmente cattiva: perch il limite di tre embrioni, se cos la fecondazione diventa pi difficile? Perch tenere la donna all’oscuro sulla salute dell’embrione, salvo consentirle pi tardi di verificare la salute del feto e liberarsene con l’aborto?”. Intervistato dal ‘Corriere della Sera’ sul referendum sulla legge per la fecondazione assistita lo afferma il presidente Ap-Udeur Mino Martinazzoli, che sottolinea come la distinzione tra esistenza e vita “ propria del nazismo, ‘l’in s’ del nazismo.

Il marxismo una filosofia che ha per luogo la storia e per protagonista la classe; il nazismo una biologia, anzi una tanatologia che ha come protagonista la razza. E il suo luogo la vita, distinta dall’esistenza, che pu e talora deve essere soppressa”. Quindi, se l’embrione e’ persona, prosegue l’ex segretario della Dc, “Allora devi avere il coraggio di dire che non puoi. Dobbiamo fermarci”. Quanto al referendum, “Se andr a votare, voter no -risponde Martinazzoli- Ma non mi sentir vincitore per questo. Se invece devo fare un pronostico, credo non si arriver al quorum”.

(Adnk/Adnkronos Salute)