PAPA: DA FARMACI A TRACHEOTOMIA, MEDICI VALUTANO COME INTERVENIRE
PAPA: DA FARMACI A TRACHEOTOMIA, MEDICI VALUTANO COME INTERVENIRE

Roma, 24 feb. (Adnkronos Salute) - Dai farmaci alla tracheotomia, l’equipe medica che segue Giovanni Paolo II sotto la guida del professor Rodolfo Proietti, sta vagliando le varie ipotesi di intervento per risolvere la nuova crisi respiratoria che ha colpito il Papa, costringendolo, questa mattina, a un secondo ricovero al policlinico ‘Agostino Gemelli’ di Roma, dopo quello del primo febbraio scorso.

Le condizioni del pontefice sembrano piuttosto serie e la difficolta’ respiratoria sembrerebbe derivare da una contrazione dei muscoli della laringe, che potrebbe essere anche conseguenza del morbo di Parkinson, da cui Giovanni Paolo II e’ affetto da tempo. Per il momento la ricaduta influenzale del Papa viene trattata con una terapia farmacologica, ma i medici che lo hanno in cura starebbero anche valutando l’opportunita’ di effettuare una tracheotomia per facilitare la respirazione.

(Adnk/Adnkronos Salute)