SANITA': DI VIRGILIO, 'TAGLIARE' LISTE ATTESA FRA PRIORITA' FINANZIARIA
SANITA': DI VIRGILIO, 'TAGLIARE' LISTE ATTESA FRA PRIORITA' FINANZIARIA
NESSUNA SORPRESA NEGATIVA DA MAXIEMENDAMENTO, CONFERMATI 93 MLD EURO

Cernobbio, 7 nov. (Dall'inviata dell'Adnkronos Salute Adelisa Maio) - La riduzione delle liste d'attesa e' una delle priorita' della Finanziaria 2006, oggi pomeriggio al voto dell'Aula del Senato. Lo ha sottolineato il sottosegretario alla Salute, Domenico Di Virgilio, intervenendo al V Forum Sanita' futura, la mostra-convegno che si e' aperta oggi a Cernobbio. Dal 'maxiemendamento' del Governo non ci saranno sorprese per la sanita': ''nessun taglio - ribadisce Di Virgilio - ma anzi un sostanzioso aumento dei fondi, passati da circa 60 miliardi di euro del 2000 a 93 mld''.

''Due di questi 93 miliardi di euro - prosegue - saranno vincolati a una politica di drastica e trasparente riduzione delle liste d'attesa ospedaliere e ambulatoriali''. Non solo. ''Da gennaio 2006 saranno vietate le 'liste chiuse', cioe' non si potra' piu' sospendere l'accesso alle prenotazioni: uno scandalo che ha penalizzato i cittadini. Eventuali deroghe saranno possibili solo per motivi tecnici, che andranno comunicati alle associazioni dei consumatori sul territorio''. (segue)

(Mad/Adnkronos Salute)