TRAPIANTI: 20 ANNI FA IL PRIMO INTERVENTO ITALIANO AL CUORE
TRAPIANTI: 20 ANNI FA IL PRIMO INTERVENTO ITALIANO AL CUORE
MAZZUCCO, DUE GIORNI PRIMA UNA FALSA TELEFONATA CON L'OK DEL MINISTERO

Roma, 11 nov. (Adnkronos Salute) - Luned prossimo ‘compir’ 20 anni il primo trapianto di cuore in Italia. Il 14 novembre del 1985, infatti, l’equipe dell’ospedale di Padova guidata dal professor Vincenzo Gallucci trapiant su Ilario Lazzari, falegname di Vigonovo (Venezia), il cuore di Francesco Busnello, un giovane di Treviso morto in un incidente in motorino.

Lazzari soffriva di una miocardia dilatativa particolarmente grave. L’unica soluzione per salvarlo era, secondo i sanitari di Padova, il trapianto cardiaco. Il falegname di Vigonovo rimase nel reparto di rianimazione della clinica cardiochirurgica dell’universit di Padova oltre un mese prima di essere sottoposto al trapianto, tenuto in vita con terapie intensive. Oggi, a 20 anni da quel giorno destinato ad entrare nella storia della medicina italiana, Alessandro Mazzucco, nel team di Gallucci ai tempi dello ‘storico’ intervento, racconta - in una conferenza stampa a Roma - un aneddoto di quei giorni. “Due giorni prima dell’effettivo trapianto - ricorda il medico, oggi Rettore dell’universit di Verona e direttore del centro trapianti della citt - quando eravamo in trepida attesa dell’autorizzazione ministeriale per eseguire la sostituzione del cuore, ricevemmo una telefonata con la quale l’allora ministro della Sanit, Costante Degan, concedeva l’autorizzazione. Accompagnammo Lazzari in sala operatoria mentre, a Treviso, eravamo pronti a prelevare il cuore di un giovane morto in un incidente stradale. Non abbiamo mai saputo chi fece la telefonata. Una cosa certa: la notizia dell’autorizzazione era falsa. Ma due giorni dopo l’autorizzazione ministeriale arriv davvero, e il cuore, seppur di un altro giovane donatore, arriv sempre da Treviso”.

(Ile/Adnkronos Salute)