ABORTO: LAZIO, SALTAMARTINI (AN) - CON MOZIONE IN CONSIGLIO PROVINCIALE NO A RU486
ABORTO: LAZIO, SALTAMARTINI (AN) - CON MOZIONE IN CONSIGLIO PROVINCIALE NO A RU486

Roma, 17 nov. (Adnkronos Salute) - “Nel prossimo Consiglio provinciale presenter una mozione urgente affinch nella provincia di Roma, e di conseguenza nel Lazio, non si proceda alla sperimentazione e all’utilizzo della pillola abortiva Ru486’’. Lo annuncia la vicecoordinatrice nazionale delle donne di An e consigliere alla Provincia di Roma, Barbara Saltamartini. ‘’Questo in ragione anche del fatto, gi denunciato dai parlamentari europei - spiega - che nel nostro Paese non ancora avvenuta la registrazione del farmaco. L’aborto un momento drammatico per la donna e la pillola la porta tra l’altro a vivere questo dramma in completa solitudine”.

‘’La nostra mozione s’incentrer principalmente - afferma Saltamartini - nel riprendere la legge 194 che come obiettivo primario aveva, ed ha, quello di prevenire l’aborto. Chiederemo inoltre d’intervenire presso la Regione Lazio per una riformulazione dei consultori e per consentire realmente una tutela della maternit. Dobbiamo a tutti i costi liberare il consultorio dal ruolo di dispensatore di certificati per l’aborto per ridargli quell’esclusivo compito di accogliere e sostenere le mamme in attesa, ma che versano in difficolt economiche, psicologiche o sociali. Soltanto attraverso un’attenta rilettura della legge 194, che ben specifica quale deve essere il ruolo del consultorio, possiamo effettivamente dare un aiuto alle donne e alle famiglie che vivono una condizione di difficolt e che arrivano per questo a pensare che l’ aborto possa essere l’unica via d’uscita ai problemi’’, conclude Saltamartini, ‘’grata al ministro Storace per la grande attenzione dimostrata sul tema e per le iniziative che sta intraprendendo su tutto il territorio nazionale”.

(Com-Mad/Adnkronos Salute)