SANITA' LAZIO: CURE MEDICO OSPEDALE ANCHE DOPO DIMISSIONI, PROPOSTA FADOI
SANITA' LAZIO: CURE MEDICO OSPEDALE ANCHE DOPO DIMISSIONI, PROPOSTA FADOI
GLI INTERNISTI, ATTIVARE ASSISTENZA SENZA INTERRUZIONI DA CORSIA A CASA

Roma, 18 nov. (Adnkronos Salute) - Garantire l’assistenza del medico ospedaliero anche dopo le dimissioni dalla struttura sanitaria. E’ la proposta dell’associazione degli internisti ospedalieri (Fadoi) all’assessorato alla Sanit del Lazio, in occasione del secondo congresso regionale dell’associazione, in corso a Roma presso l’Hotel Sheraton-Eur.

La proposta e’ di attivare, su tutto il territorio regionale, un protocollo per l’assistenza ai malati con forte disabilit e fragilit che preveda una continuit di cure dalla struttura ospedaliera a quella del territorio senza interruzioni. “Gli internisti ospedalieri - dice Francesco D’Amore, presidente della Fadoi Lazio - vogliono passare dalle ‘dimissioni difficili’ all’‘assistenza facile’ e non vogliono pi vedere malati o loro familiari che vanno faticosamente cercando assistenza da una struttura all’altra. Tutto questo non costa molto se non in termini di programmazione efficace, coordinando le offerte assistenziali gi esistenti”.

In questo scenario, spiega D’Amore, ‘’ci sono due protagonisti: da una parte le divisioni di medicina interna, dove sono ricoverate le persone nelle fasi acute della malattia, e dall’altra le strutture del distretto territoriale, delle quali fanno parte i medici di medicina generale. La sfida riguarda un cambiamento di mentalit al quale sono chiamate la sanit ma anche tutte le componenti della societ civile”. In Italia, nel 2009 - si legge in una nota Fadoi - i malati cronici saranno 11.600.000, i disabili 3.000.000.

(Com-Ram/Adnkronos Salute)