ALCOLISMO: LAZIO, FIRMATO PROTOCOLLO D'INTESA SU PREVENZIONE E CURA
ALCOLISMO: LAZIO, FIRMATO PROTOCOLLO D'INTESA SU PREVENZIONE E CURA
SOLITUDINE ED EMARGINAZIONE LE CAUSE PIU' DIFFUSE NELL'ABUSO DI ALCOL

Roma, 21 nov (Adnkronos Salute) - Curare le persone con problemi di alcolismo e aiutarle a reinserirsi nella societa'. Ma anche monitorare il fenomeno dell'abuso di alcol, in preoccupante crescita nel Lazio, e fare prevenzione nelle scuole. Sono questi i punti cardine del protocollo d'intesa, firmato tra la Provincia di Roma, il Centro di Riferimento Alcologico della Regione Lazio, l'Azienda Policlinico Umberto I e il Dipartimento di Medicina Clinica dell'Universit La Sapienza, presentato oggi a Roma, nella sede della provincia.

Il protocollo nasce dall'esigenza di intervenire con un programma ben definito per aiutare le persone dipendenti dall'alcol, curarle e reinserirle nella vita lavorativa e sociale. Fra gli obiettivi prioritari: la realizzazione di un centro diurno per persone con dipendenza da alcol; un percorso formativo per il loro reinserimento sociale; la realizzazione di un osservatorio provinciale sull'alcolismo con funzione anche di monitoraggio sui mass media e sulla promozione dei consumi alcolici; e la promozione di una campagna di sensibilizzazione e prevenzione nella scuole della provincia di Roma.

"Cominciare a considerare l'alcolismo come una delle tante manifestazioni di disagio all'interno di un'organizzazione sociale, sarebbe un notevole passo avanti", ha commentato il VicePresidente del Consiglio Provinciale di Roma, Nando Simeone, intervenuto alla conferenza stampa. E a dimostrazione di cio', recenti ricerche sull'alcolismo realizzate anche dal Crarl (Centro di Riferimento Alcologico della Regione Lazio) - hanno ricordato gli esperti - mostrano un legame tra condizioni di solitudine e disagio (causate ad esempio da separazioni, disoccupazione o pensionamento) e abuso o dipendenza da alcol. "Un discorso ad ampio raggio sull'alcolismo non pu prescindere dal contesto dell'organizzazione sociale e su come essa sia in grado di rispondere ai bisogni delle persone, consentendo una vita a misura d'uomo- ha aggiunto Simeone - Solitudine infatti, anche quando ci si sente emarginati dal contesto di riferimento o quando vengono proposti dai mass media alti standard di successo o carriera e ci si rende conto di essere tagliati fuori da questi contesti".

(Map/Adnkronos Salute)