SANITA' TOSCANA: NASCE 'RIO', NUOVA FIGURA PROFESSIONALE CONTRO INFEZIONI IN OSPEDALE
SANITA' TOSCANA: NASCE 'RIO', NUOVA FIGURA PROFESSIONALE CONTRO INFEZIONI IN OSPEDALE

Siena, 28 nov. (Adnkronos Salute) - Negli ospedali toscani nasce una nuova figura professionale, il Rio – Referente per le Infezioni Ospedaliere, che avr specifici compiti di sorveglianza sanitaria e sar presente in ogni reparto come figura di riferimento. Anche il policlinico Santa Maria alle Scotte di Siena si sta preparando e domani, marted 29 novembre, nell’aula magna del centro didattico universitario, sar presentato il corso di formazione “Prevenzione e controllo delle infezioni ospedaliere: formazione dei Referenti di reparto per le Infezioni Ospedaliere”, finanziato dalla Regione Toscana.Il corso ha l’obiettivo di preparare una figura di riferimento per la gestione attiva delle infezioni ospedaliere; organizzato per le 4 aziende sanitarie dell’Area Vasta Sud-Est e former, in totale, 50 medici e 232 infermieri.

“La problematica delle infezioni ospedaliere - spiega il dottor Giuseppe Paladino, direttore della Direzione Medica di presidio delle Scotte e responsabile scientifico del corso Rio - riguarda una percentuale che varia dal 5% al 10% dei ricoveri ospedalieri con un picco del 25% per i pazienti delle terapie intensive. Circa l’1% di questi casi, si conclude con il decesso del paziente”. Ogni anno si verificano in Italia da 450.000 a 700.000 infezioni ospedaliere, il 30% delle quali potrebbero essere prevenute. “In base a questi dati epidemiologici - continua Paladino - ogni anno in Toscana sono attese circa 35.000 infezioni nosocomiali con 350 decessi correlati e 65.000 giornate di degenza aggiuntive da attribuirsi direttamente all’insorgenza dell’infezione ospedaliera”.Le iniziative messe in campo dagli ospedali per contrastare tale fenomeno fanno ancora riferimento alle linee di indirizzo previste dal quadro normativo degli anni Ottanta. “La sorveglianza sanitaria - aggiunge Paladino - non un controllo ispettivo burocratico estraneo al reparto ma una strategia volta a trovare con gli operatori dei reparti clinici, le sinergie e le prospettive comuni di intervento. Siamo convinti che, per fare questo, la via da perseguire sia la formazione e l’utilizzo di specifiche professionalit”. Il referente di reparto rappresenta l’elemento chiave nel flusso comunicativo e informativo del sistema ospedale e costituisce, allo stesso tempo, il punto di riferimento operativo all’interno della struttura sanitaria.

(Adnk/Adnkronos Salute)